Avvertenze

L’interpretazione delle informazioni tratte RICA è soggetta ad alcune limitazioni tipiche delle indagini campionarie che occorre tenere ben presenti.

La prima è che si tratta di un campione casuale in grado di rappresentare le principali caratteristiche di un sistema agricolo regionale in valore assoluto attraverso l’utilizzo dei coefficienti di riporto all’universo delle aziende regionali. Questo riporto non sempre è possibile per cui se non è esplicitato, le analisi si riferscono solo al campione rilevato.

In questo caso si è scelto di elaborare alcuni indicatori di sintesi quale ad esempio la dimensione aziendale ed esprimere valutazioni sulla loro distribuzione ed evoluzione e di non analizzare i valori assoluti (es. superficie totale) in quanto non sono rappresentativi dell’universo regionale.

Seconda limitazione è quella che non è possibile derivare informazioni che riguardano solo una piccola porzione delle aziende campionate. Ad esempio non è possibile esprimere valutazioni sulla redditività di una attività produttiva minore, in quanto saranno presenti nel campione solo poche aziende che non possono quindi essere considerate sufficientemente rappresentative.

Una terza avvertenza riguarda l’introduzione della nuova metodologia di indagine e rilevazione a partire dal 2008 che non rende perfettamente comparabili i dati di serie storica per cui alcune differenze sono da attribuire ad una diversa modalità di raccolta delle informazioni e non a una variazione reale del fenomeno analizzato.