Valore aggiunto per occupato nel settore primario nel 2007

Le statistiche di contabilità territoriale vengono purtroppo pubblicate con notevole ritardo rispetto all’anno corrente. La mappa raffigura la situazione pre-crisi al 2007 e sarà interessante compararla con una situazione aggiornata per verificare quali sono stati gli effetti sulle economie regionali.
Il valore aggiunto del settore primario per occupato è indicatore utile ad analizzare le differenze territoriali in termini di produttività lorda unitaria del lavoro.



Le Marche si collocano tra le regioni a più alta produttività, concentrate in particolare in Francia, Regno Unito ed in Scandinavia. Si tratta di situazioni sostanzialmente diverse in quanto una elevata produttività può derivare da una maggior valore della produzione o da una bassa occupazione. Il caso marchigiano rientra nel secondo scenario.

Nel complesso è evidente la demarcazione est-ovest in termini di produttività con poche eccezioni costituite da lacune regioni del Portogallo, dell’Irlanda e dell’Inghilterra.

Statistiche riepilogative


Riferimenti

  • Indicatore:    rapporto tra valore aggiunto e occupati nel settore primario
  • Unità di misura:    migliaia di euro
  • Dati di base:    valore aggiunto e occupati nel settore primario
  • Fonti:    Eurostat, Statistiche regionali

Per visualizzare gli articoli correlati selezionare le categorie evidenziate qui sotto.

Questa voce è stata pubblicata in Atlante rurale, economia e lavoro, Europa. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...