Variazione superficie biologica nel periodo 2000-2007

La crescita delle coltivazioni biologiche non ha riguardato uniformemente tutto il territorio nazionale ma ha interessato in particolare le regioni del Centro e del Nord-Est.

Nelle Marche dal 2000 la superficie investita a biologico è quasi triplicata, mentre in altre regioni c’è stata una flessione anche molto consistente come in Sardegna dove il calo è stato del 75%.

Le ragioni di questa estrema variabilità nelle dinamiche possono essere ricondotte alla difficoltà di accedere a mercati specifici per il biologico e alla presenza di norme regionali incentivanti, o nei casi di forte calo delle superfici, a un maggior controllo sui requisiti normativi.

In generale la certificazione biologica ha un costo per l’azienda agricola specie in termini di adempimenti amministrativi e questo impegno spesso non produce purtroppo un adeguato differenziale nei prezzi di vendita.



Statistiche riepilogative

Riferimenti

Indicatore: differenza tra superficie biologica a inizio e fine periodo su superficie biologica a inizio periodo (in %)

Dati di base: superficie biologica

Fonte: INEA annuario agricoltura

 

Per visualizzare gli articoli correlati selezionare le categorie evidenziate qui sotto.


 

Questa voce è stata pubblicata in Atlante rurale, Italia, strutture produttive e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...